News
14/10/2017
Feste delle Castagne in Liguria
14/10/2017
Essicazione e macinatura castagne
12/10/2017
Incontro AIAMS Marche
06/10/2017
Festa del pane nero in Valle d'Aosta
11/09/2017
Corsi da Mugnaio
23/11/2016
Novità editoriale AIAMS: "MULINI STORICI: Conoscenza e modi d'uso"

Archivio News


Eventi
Convegno Lamoli
Locandina Lamoli rid

06/05/2017  06/05/2017
Mulino del Juan
14 10 2017 pippa
PIEMONTE
ALESSANDRIA  FRACONALTO

Archivio Eventi




Mulini natanti
Mulino natante

Mulini natanti, se posti su galleggianti sia fissi che mobili dentro un fiume o su uno specchio d'acqua. Tra questi si distinguono quelli che sfruttano in vario modo l'energia idraulica creata dallo sbarramento di un ponte e dalla conseguente "corrente" che si forma tra due pile (proprio come a Roma aveva fatto Belisario nel 537 d.C.). Non esisteva infatti città medievale che non mettesse a frutto la presenza dei ponti urbani per ancorare almeno un mulino natante di solito a valle di una o più arcate. Tra i ponti romani utilizzati in età medievale e moderna a tale scopo possiamo ricordare, ad esempio, a Roma il Ponte Cestio, il Ponte Fabricio, il Ponte di Probo, o a Padova il Ponte Molino, oppure a Verona il Ponte della Pietra, ma ciò avveniva anche con numerosi ponti medievali o moderni, con un elenco che potrebbe continuare a lungo (Galliazzo 1995).

mulino_po.jpg

I mulini natanti potevano essere costituiti di un solo barcone con due ruote laterali (mulino natante "a doppio ingranaggio"), soluzione un po' precaria, oppure, assai spesso, erano formati da due natanti affiancati e tenuti a congrua distanza l'uno dall'altro da un'opportuna travatura, tra la quale veniva sistemata la ruota d'acqua (mulino natante "a ingranaggio semplice"). Sull'argomento si vedano nel Glossario le voci: sandone, "mulinassa", "mulinella".