News
14/10/2017
Feste delle Castagne in Liguria
14/10/2017
Essicazione e macinatura castagne
12/10/2017
Incontro AIAMS Marche
06/10/2017
Festa del pane nero in Valle d'Aosta
11/09/2017
Corsi da Mugnaio
23/11/2016
Novità editoriale AIAMS: "MULINI STORICI: Conoscenza e modi d'uso"

Archivio News


Eventi
Convegno Lamoli
Locandina Lamoli rid

06/05/2017  06/05/2017
Mulino del Juan
14 10 2017 pippa
PIEMONTE
ALESSANDRIA  FRACONALTO

Archivio Eventi




Mulini a marea

Mulini a marea, se sono azionati dal movimento delle maree, particolarmente imponenti lungo le coste atlantiche. In pratica sono costruiti su una diga o "passonata" che chiude un'insenatura anche modesta formando un bacino con paratie presso il mulino: si lascia entrare l'acqua portata dall'alta marea, badando a chiudere immediatamente le paratie; si attende l'arrivo della bassa marea e, aperte le paratie, si sfrutta il salto d'acqua tra il bacino e il mare, azionando così il mulino. Furono proposti ancora prima dell'anno Mille da un geografo arabo. Uno è ricordato a Dover in Inghilterra nell'anno 1086. Lungo le coste della Bretagna nel corso dei secoli ne furono messi in opera circa un centinaio (Madureri 1995). Alcuni furono costruiti anche nel Veneto lungo la costa adriatica, prendendo il nome di "aquimoli" (o aquaemolae): uno è ricordato a Forcona nel 1014, mentre nel 1044 un documento del monastero di San Giorgio della Pigneda ne ricorda altri due (Sebesta 1997).