News
13/08/2019
Mulino di Usseaux
11/08/2019
Mulini in Calabria
31/07/2019
Gita sociale AIAMS 1 settembre 2019
31/07/2019
Macinare Cultura 2019 in Emilia Romagna
13/06/2019
"Mulini d'estate" in Piemonte
05/11/2018
LE RUOTE DEL COLORE - Atti del Convegno di Lamoli

Archivio News


Eventi
Giornate dei Mulini 2019
LOCANDINA 2019rid
Italia
18/05/2019  19/05/2019
Convegno sui frantoi da olio
locandina frantoi da olio rid
Sarzana (SP)
11/05/2019  12/08/2019
Francesco Guccini - LE PAROLE DEL MUGNAIO
cop parole mugnaio
Revere
30/01/2018  30/01/2018

Archivio Eventi




Dal mortaio preistorico alla mola asinaria romana

mortaio_egitto.jpg

La ricerca archeologica ha dimostrato come le tecniche di frantumazione e macinazione delle granaglie risalgano almeno all'età neolitica (se non prima ancora) e come la macina storica a due palmenti rotondi azionata dalla forza dell'uomo o di un animale, cioè la mola asinaria romana, debba essere considerata come il punto d'arrivo di un lungo processo di ricerca e di prove avvenute lungo millenni.

Il mortaio

Metodi rudimentali di pestatura e di schiacciamento dei cereali o delle granaglie in genere mostrano di essere presenti ancora in età neolitica (ma recenti rinvenimenti risalgono anche ad epoche anteriori).

La macinazione avveniva attraverso uno strumento di legno (ma in seguito anche di metallo), cioè di un paletto indurito nella punta inferiore (il pestello) che pestava in un contenitore cilindrico o a tronco di cono di legno o di pietra (il mortaio), scavato "a scodella" al suo interno e con pareti rilevate allo scopo di impedire ai semi di schizzare via durante la pestatura.

mortaio.jpg

Con l'operazione della pestatura in un mortaio, i cereali si spezzavano, perdendo anche l'involucro o pericarpio che li circondava e le loro cariossidi così spezzate, se inumidite, potevano già entrare nell'alimentazione quotidiana.

Nel Lazio arcaico, ad esempio, prima dell'introduzione del pane si mangiava la cosiddetta puls, una farinata o polenta di farro o miglio lavorata con latte o acqua, ignota ai Greci (Plin. nat. hist. 18, 83-84).